fuori piove

Fuori piove ed il cielo è grigio.

Rispecchia il mio umore quando ti penso.

mammetta mia, vedere la tua lapide con la foto è stato duro, ma il sorriso sereno che hai stampato sul volto mi rasserena, leggo e rileggo tante volte le parole scritte: ‘Il vostro sorriso è la mia pace’, ed allora ti lancio un sorriso, ma tu sai che, in fondo, serve solo a nascondere la rabbia che ho.

Il tempo e la quotidianità servono a coprire la ferita, come un cerotto, ma non appena mi fermo a pensare a tutto il periodo, da settembre fino a questo bastardo luglio, allora è come se questo cerotto venisse strappato via con forza, riaprendo la ferita.

Cara mamma, ora sei il nostro angelo, e la ferita che il destino ci ha voluto riservare è immutata e immutevole, come è giusto che sia. L’amore per una mamma è quasi pari a quello che una mamma ha per i propri figli. E’ uno tra i più grandi e puri sentimenti che una persona possa provare. Il tempo passa, ma il nostro amore per te è per sempre. Questo messaggio è un altro calcio alla morte, che ci ha privato del tuo corpo, ma non del tuo ricordo. Con immutato affetto, anzi, con l’affetto ancora più grande di chi sa di avere perso per sempre un tesoro. Tuo figlietto, come mi chiamavi tu, Daniele che guarda il cielo ma non riesce a vederti.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.