il mio compleanno

Ciao mamma, è stato triste, ieri, trascorrere il mio primo compleanno senza di te. un altro tassello amaro della mia vita. Mi manchi. Sai, papà è molto più vicino a noi, da quando tu sei un angelo; ci cerca ed è più presente nelle nostre vite. Cerchiamo di stargli vicino e di fornirgli le cure migliori per il suo corpo un pò malandato. Sono certo che tu lo stia aiutando in questo.

La vita cambia mamma, Mauro sta concludendo il suo più importante investimento della vita, Lilli è un pò in difficoltà per la pessima situazione economica del nostro Comune. Io? Io credo di stare bene anche se ormai il mio concetto di vità è mutato. Sai, quando  Barbara ha avuto l’aborto spontaneo, mi sono reso conto che, contrariamente a tutto quello che era stato fino a quel momento, non ero immune dalle crude ed amare vicissitudini che sentivo accadere agli altri. Pensavo che mai sarebbe potuto succedere qualcosa di brutto, ma non perchè non lo pensassi, ma solo perchè non faceva parte del mio bagaglio di esperienze vissute. E’ stato un brutto momento, si, ma il tempo, la nascita di Giada e di Virginia, sono riusciti a farci superare quel brutto momento. Il tuo male, il tuo calvario e la tua morte, credo abbiano distrutto completamente il concetto di vita fanciullesca che ancora conservavo. Credo che ogni dolore che si prova, che sia superiore agli altri, ci innalzi la soglia di ‘sopportabilità’ del prossimo dolore. La vita non mi spaventa più.

Ti voglio bene, e mi manca la tua voce.

Daniele

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.