Ci avviciniamo alla fine dell’anno

Ciao mamma,
ci avviciniamo alla fine dell’anno;
come sai, stiamo realizzando il tetto a casa; certo, il periodo non è dei migliori, ma il tempo è stato clemente con noi. Mi piace pensare che tu ci abbia protetto e che tu abbia impedito che ulteriori piogge siano potute abbattersi in questo periodo di tempo incerto. In effetti, solo due volte abbiamo avuto qualche infiltrazione e, viste le premesse, è stato un successo. Finalmente la casa è coperta e non dovrebbero esserci più infiltrazioni copiose, si spera.
Ieri è stato l’onomastico della nonna ed è stato strano non festeggiarlo, come abbiamo fatto sempre.
Papà, come per tradizione, ci ha fatto assaggiare la cuccìa.
Il clima in famiglia è teso, e, forse, si sta imboccando una strada senza ritorno. Tu sai a cosa mi riferisco.
Ormai sono stanco di questa situazione. Forse è inevitabile che la famiglia, non sia più una famiglia unita. Non è colpa di papà; semplicemente non si può evitare l’inevitabile. E tu sai quanto sia inevitabile la frattura che diventa sempre meno rimarginabile. Peccato.
Questa è una sconfitta della nostra famiglia, un’altra sconfitta. Della famiglia Sennato, ormai, si contano solo i cocci, nonostante papà faccia quanto nelle sue capacità per evitare lo sfacelo. Ma, forse, papà ha trovato un equilibrio suo, con Concetta e la zia Gina. In fondo non sto facendo molto per provare ad essere più vicino a papà..e di questo me ne rendo conto….mi dispiace…non so se troverò la forza per essere più vicino a papà…i lavori in casa mi hanno tolto tanta energia…spero che queste vacanze mi diano modo di ricaricarmi, di trovare forze nuove.
Ti voglio bene. Mi manchi.
Ti regalo questa stella di Natale.

Tuo Daniele

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.