Ho sognato

Ciao mamma, Oggi pomeriggio ho riposato ed ho sognato che ero a casa in via Sardegna. Era pomeriggio e fuori pioveva. Per un attimo avevo sognato che ti fossi ad un pranzo di lavoro e che saresti tornata da un momento all’altro. Mi sentivo felice perché pensavo che ti stavo per rivedere. Mi stavo preoccupando anche della pioggia. Poi ho preso coscienza che tu, purtroppo, non c’eri più, e che non saresti tornata a casa. Cara mamma, oggi più che mai capisco la tua riluttanza nel discutere di divisioni ereditarie. Volevi allontanare il momento perché conoscevi i tuoi polli. Ora ti comprendo appieno. Speravo che ci fosse un po’ di buon senso, ma tu sapevi più di me che questo mancava totalmente. Che illuso sono stato. Si è toccato il fondo, come nelle peggiori famiglie, che illuso sono stato, per un attimo ci ho creduto che tu potessi aver esagerato nelle tue idee, ed invece no, come una scure lei non si smentisce mai, ha avuto la migliore divisione ereditaria ma a distanza di tre anni vomita ancora acido. Non ha speso una parola di ringraziamento per non aver uscito un centesimo nella stipula degli atti… Avevo dei dubbi nel condividere la proprietà in paese.. Ed ecco puntuale che arrivano richieste assurde.. Il volere sempre di più.. Il fottersene degli altri… L’ingordigia fino alla fine… Che illuso che sono stato.. Ci stavo quasi credendo… Ero quasi fiero di quello che avevamo fatto.. Lei voleva il mare.. Ok.. Accontentiamola… Basta che c’è la pace… Il mare… Che faccio… Me la compro una casetta? Che può combinare? In fondo è una proprietà diversa… Ed invece.. No.. Ecco che come una scheggia impazzita arriva la coltellata che non ti aspetti… Eppure avevamo mille dubbi… Ed io a rassicurare tutti… Ed invece… Scusami mamma… E che cazzo.. Lei non si smentisce mai.. Chissà come starai sorridendo amaramente da lassù… Tu sapevi tutto… Era facilmente prevedibile… Tutti gli eventi portano verso ad un unica ed inevitabile strada.. La rottura definitiva… Possiamo solo rinviarla di un altro mese, di un altro anno… Ma sappiamo entrambi come andrà a finire.. E chissà cosa si Inventerà con la villetta… La scheggia impazzita.. Tuo Daniele

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.